Archivi tag: confronto

Di no fermi e buone pratiche di coerenza.

Standard

Capita di essere coinvolti e osservare scene di educazione digitale quotidiana che in realtà poco hanno a che fare con educere.

Un bambino, presumibilmente di 4 anni rifiuta di consegnare il tablet alla madre, pur sotto calma e pacata insistenza. Si siede a tavola per mangiare, con l’oggetto spento stretto tra braccio e tronco, e con l’altra mano impugna la forchetta. Leggi il resto di questa voce

Come puoi diventare un mostro di porporina

Standard

Questo è il nuovo progetto di Monia…Da leggere fino in fondo, e poi se, alambiccati tra le parole sfuse, come me, non potrete restare indifferenti, prede felici  e indipendenti anche voi! Buona lettura.

Manipolatrice genetica di parole. Dimmi il tuo corredo e ti dirò che scrittore sarai. Epigenetica fondata sull’inchiostro. (Foto di clavicola con scritto “SCRIVO” in rosa evidenzi…

Sorgente: Come puoi diventare un mostro di porporina

Di incontri e bisogni altrui differenti.

Standard

E adesso?

Ieri pomeriggio sono stata ospite della Libreria Namastè a Tortona come ideatrice di GiocoCreAttivo; volevo,come è accaduto a Voghera, testare se il mio prodotto potesse interessare.CAM00093 Leggi il resto di questa voce

Di territorio e di libri; domani il primo Bookway!

Standard

Da tempo, ormai sapete che, sono solita condividere e parlare anche di storie locali e di eventi che si svolgono sul territorio in cui vivo. Questo perché ritengo che siano valevoli di una eco maggiore. Questa volta ho intervistato Laura Malacalza ed Elisa Pianetta che hanno organizzato per domani un’interessante iniziativa che coinvolge più paesi lungo un cammino che, prima fu solcata da una ferrovia. Leggi il resto di questa voce

Come giungere al karma da pedagogista incapace attraverso Zootropolis!

Standard

La pausa pasquale ha permesso di trarre alcuni frutti in termini di “pensiero e azione”.
Di solito, questo accade, quando si ha l’opportunità di dialogare in modo più rilassato e sviando da pregiudizi o proponimenti; mi spiego meglio. Le “vacanze”, seppur brevi dalla scuola, possono aprire mondi di parole con chi ogni giorno la frequenta e ci riporta, molto spesso, il voto del risultato ottenuto o il come si sta là, ma non qualcosa in più rispetto alla pratica educativa lì sentita o vissuta. Leggi il resto di questa voce