…Tu chiamale, se vuoi…

Standard

Ribloggo volentieri il post dell’amico Andrea…in tema di emozioni il lavoro non e’ scontato ne’ semplice e provarci in ogni “luogo” mi pare buona cosa. Grazie.

Il suono delle lumache

Lo spunto è arrivato da “Buon compleanno, mr. Grape”: la scena in cui il fratello maggiore – un giovanissimo Johnny Depp – si scaglia contro il più giovane fratello disabile (Di Caprio), scuote i ragazzi.
“Troppa aggressività”, dice qualcuno, “Non c’era motivo”, aggiungono altri.
Reazioni sincere e comprensibili. Soprattutto utili per avviare una riflessione: cosa ci dicono le parole “rabbia” e “delusione”?
“La rabbia sale da dentro e ci spinge a compiere azioni”; “la delusione è come una pietra che ci schiaccia e non ci permette di agire”.
Proviamo a giocare alla rabbia e alla delusione con il corpo, proviamo a mimare queste situazioni. La rabbia ci attiva, la delusione ci immobilizza.
Le emozioni sono compagne di viaggio imprescindibili. Per questo vanno conosciute, va trovato loro un volto, vanno comprese nel senso che io, soggetto che le vivo, devo imparare a farle mie, a capire cosa centrano con la mia…

View original post 119 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...