Archivio dell'autore: monicadalessandropozzi

Informazioni su monicadalessandropozzi

educatrice, pedagogista, mamma,blogger

Nuovi bookcrossers crescono…

Standard

Febbraio, ultimo giorno. Mi accorgo che sto dedicando poco tempo a tenere aggiornato il blog. Me ne dispiace, ma le cose, pur segnate nella mente poi sfuggono…Oggi voglio parlarvi di una che non è sfuggita e che anzi sta prendendo forma.

Leggi il resto di questa voce

In principio…

Standard

Ultimo giorno di gennaio: scrutini ormai pressoché terminati in ogni scuola. Un tempo febbraio sarebbe stato un “momento disteso” , ora pare non più, ma su questo non voglio tornare, ne scrissi già alcuni anni fa(se vuoi saperne di più cerca febbraio nel blog). Trovo un escamotage per raccontarvi di un “latino” e di “scienze umane” a me poco note…E lo faccio con un racconto e personaggi virtualmente inventati ( attenti bene).

Leggi il resto di questa voce

Il resto dell’attesa!

Standard

 

Eccoci in procinto della fine di un anno. Non voglio darvi bilanci o prospettive di futuri impegni da prendere. Ognuno di noi e di voi sa bene dentro di sé cosa pensare in merito.

Voglio semplicemente farvi un regalo. Quell’inizio di racconto pubblicato prima di Natale ha preso la sua forma e ve lo consegno fiduciosa che possa allietare un attimo del vostro tempo.

Auguri per ogni cosa che desiderate.

Abbiate la determinazione di pensarla reale!

IMG_20181231_001258

Il centrino

Un augurio di gioia restando in attesa

Standard

Sono ancora in tempo per un augurio consueto e di gioia per il Natale imminente.

Vorrei questa volta regalarvi l’ inizio di un racconto che da qualche tempo mi gira dentro. Nato come esercizio creativo in chat con un amico ha preso una sua strada. E sta diventando più chiara. Dunque buona prima lettura. Nei prossimi giorni la sua evoluzione…

E Buon Natale!

Leggi il resto di questa voce

Dal solstizio d’inverno a una luce “attuabile”.

Standard

Oggi cade il solstizio d’inverno. L’entrata effettiva nella stagione fredda. Eppure questa ricorrenza rivela anche una forza racchiusa in significati lontani. Il nome dal latino solstitium, composto da sol-, “Sole” e -sistere, “fermarsi” sta a significare il momento più lungo, o più corto, in cui il Sole si attarda a cui segue lentamente l’avanzare di giornate più lunghe. Dunque oggi sarà la giornata più corta. E questa possibilità ha dato vita a miti e leggende; una tra le più note e, forse, più affascinanti resta quella di Yule  a cui si lega quella romana del Sole Invictus. Entrambe festeggiano un rito di passaggio: dal vecchio “sole” che sta morendo al nuovo che avanza. E oggi voglio donarvi un pensiero nuovo e soprattutto fattibile. Ho scoperto, grazie ad un invito, un gruppo di Facebook che pratica in modo attivo la cura per il nostro pianeta. Ve ne parlo n questa intervista al suo fondatore. Buona lettura e felici fattive rinascite!

Leggi il resto di questa voce